• Sab. Ott 24th, 2020

UN RAGGIO D’AMORE

DiDiac. Ermes Luparia

Giu 10, 2019

Betty Tocco

Ho appena visto un film che parlava dell’amore tra un uomo e una donna permeato di buoni sentimenti che univano i due interpreti che, insieme e grazie a quanto provavano l’uno per l’altra, erano cresciuti nell’amore per gli altri, tutti.

Beandomi di quanto succedeva ai protagonisti del film, ho subito pensato a Te mio Dio, a Te Amore assoluto.

Ho cominciato a bearmi non più di quanto solo Tu puoi seminare nel cuore di che Ti accoglie, ma del Tuo Amore, di Te che ci avvolgi nel Tuo abbraccio amorevole e ci regali momenti, attimi, di una felicità perfetta che non ha bisogno di niente e nessuno se non di Te.

A volte quando mi trovo nella cappella, subito dopo averTi ricevuto nel mio cuore con la santa Eucaristia e tutti se ne sono andati, sola seduta all’ultimo banco, con il corpo completamente abbandonato in un riposo assoluto, chiudo gli occhi e lascio che il mondo scompaia insieme a preoccupazioni, sensazioni, pensieri molesti. Una pace totale mi avviluppa e, insieme, una meravigliosa dolcissima sensazione di essere completamente avvolta in un abbraccio tenerissimo che mi riscalda lievemente e soavemente. È il Tuo abbraccio di tenero Padre, di fedelissimo Amico, di sapiente e sollecito Consigliere e Guida del mio percorso terreno.

È come trovarsi in un’isola in mezzo all’oceano, stesa su una stupenda e isolata spiaggia bianchissima e silicea che raccoglie e riflette i raggi di un tiepido sole di primavera. Che bello essere riscaldata dai suoi raggi che non bruciano e che penetrano nel tuo corpo dandoti una sensazione di benessere che vorresti non finisse mai.

Certo il confronto non regge come vorrei per poter descrivere ciò che il Signore nostro Dio ci regala se noi decidiamo, come facciamo in spiaggia esponendoci al sole, di esporci al Suo Amore infinito e generoso, nonostante i nostri limiti e manchevolezze. Lui ci ama così come siamo, ci vuole amare, ci crea situazioni per poterci amare. Lui non ha bisogno che noi diventiamo perfetti per Lui. Ci chiede solo di permetterGli di amarci così come siamo e di accettare il Suo Amore per trasformarci gradatamente, seguendo i nostri tempi, guardando ai nostri limiti come fa una mamma affettuosa. Egli ci accompagna nel nostro percorso di apprendisti dell’amore, ci tiene per mano e ci aiuta a rialzarci quando cadiamo, anche se rovinosamente, se noi ci aggrappiamo alla Sua mano tesa.

Che bello essere amati da un Dio meraviglioso come è la nostra Santissima Trinità!

Grazie perché ci hai creato e perché ci accompagni nel nostro cammino terreno verso la vera ed eterna felicità di quella che è la vera Vita.

Diac. Ermes Luparia

Marco Ermes Luparia, è nato a Roma il 27 Agosto 1950. Sposato con Leda Diodovich dal 1974, è padre di due figli (Cristiano e Damiano). Ordinato Diacono Permanente nella Diocesi di Roma nel 1995. Laureato in psicologia Clinica presso l’Università la Sapienza di Roma nel 1977 e successivamente specializzato in Psicoterapia Analitica nel 1981, in Psicoterapia Didattica nel 1983; formato in Medicina Psicosomatica nel 1981 ed in Bioetica presso l’UCSC di Roma nel 1993. Laureato in Scienze Religiose presso ISSR della Pontificia Università Lateranense nel 1993. Ha insegnato Antropologia Prenatale e Psicologia Clinica presso l’ISOE dell’Università di Urbino. Attualmente insegna Psicologia Vocazionale presso il Master per la Formazione di Psicoterapeuti Vocazionali del ISSR della Pontificia Università Lateranense (in collaborazione con l’Apostolato Accademico Salvatoriano). Presidente e Fondatore dell’Apostolato Accademico Salvatoriano (Ass. Pubblica di fedeli). Presidente-Fondatore dell’Associazione Italiana Psicologi e Psichiatri Cattolici (AIPPC). Ha pubblicato numerosi lavori nell’ambito della Psicologia Clinica, Psicologia Prenatale e Psicologia Vocazionale, Psicologia e Spiritualità della Famiglia.